Warning: Declaration of tpw_default::tp_widget_do($args) should be compatible with transposh_base_widget::tp_widget_do() in /web/htdocs/www.pascuzzo.it/home/wordpress/wp-content/plugins/transposh-translation-filter-for-wordpress/widgets/default/tpw_default.php on line 51

In calo il consumo di pane e dei prodotti da forno


In calo il consumo di pane e dei prodotti da forno
La media degli italiani è scesa a 85 grammi al giorno, è il minimo storico.Le famiglie italiane non amano più mangiare il pane, o per lo meno scelgono di mangiare pane artigianale che è in calo di produzione. Oggi il consumo di pane artigianale rappresenta l’88% del mercato, un dato importante si, ma se si pensa alla pezzatura la stessa non supera il chico.Poco tempo fa (10 anni), la pezzatura del pane in vendita era di 1,5 chili, oggi è scesa ad un solo chilo.

Produzione e consumo di prodotti sostitutivi del pane

Oggi le famiglie italiane apprezzano di più i prodotti sostitutivi del pane (grissini, crackers, pani morbidi) il quale consumo è in continuo aumento.

Tale tendenza potrebbe costare caro alla tradizione popolare italiana ed alla produzione del pane, comeil pane di Altamura, la pagnotta del Dittaino e il pane di Matera.

 

Varianti salutistiche

Anche nel campo del pane e della produzione dei prodotti da forno si afferma il trend del biologico, come anche i disturbi dell’alimentazione spingono i prodotti senza glutine a base di cereali alternativi al frumento (kamut, farro).

Sale l’interesse per le varianti salutistiche e ad alto valore nutrizionale. Vanno di moda ora i prodotti a lunga lievitazione, senza grassi, con poco sale, integrale, a km 0, etc.

Ma anche il pane realizzato direttamente dai produttori agricoli con varietà di grano locali spesso di varietà salvate dall’estinzione.